I temi dei quadri

Nei suoi quadri ci si immerge in un sogno della realtà che fu, nella rappresentazione fiabesca della vita agreste della Puglia contadina. Non si può non lasciarsi cullare dalla calma, dalla dolcezza dei paesaggi e dei colori, dal giallo dei campi di grano pronto alla mietitura, al bianco delle brevi e furiose nevicate sui trulli, dall’azzurro calmo del cielo all’ocra scuro della sua terra.

Chi rappresenta l’autore? I sogni di un mondo in cui non c’è elettricità, non ci sono i fastidi della vita moderna. Un mondo in cui si vedono coppie di braccianti che si tengono dolcemente per mano e si guardano negli occhi; in cui i pescatori tirano su reti piene di pesci alla luce delle lampare, o riparano le reti alla luce dell’alba; un mondo in cui i bambini giocano nei vicoli dei centri storici e vecchi sdentati sorridono felici, in cui le rondini si rincorrono vicino a un arcobaleno, le api si posano sui fiori, le farfalle svolazzano tra gli aquiloni.

Più che semplici dipinti, l’arte di Vincenzo Milazzo è una poesia a colori che infonde serenità e nostalgia, una spensieratezza felice e appagata.

La lanterna

La lanterna

Guardate bene, cercatela: è lì, sempre presente, accesa o spenta, portata in mano da ruvidi contadini intabarrati che camminano nella notte, lasciata appesa a un muro imbiancato di calce o quasi nascosta dietro le fronde di un albero.

È la lanterna, seconda firma di Milazzo.

Perché proprio la lanterna? Non è solo un simbolo universale di ricerca, di conoscenza, di luce; la lanterna a petrolio è il simbolo quotidiano di un mondo ormai scomparso ma vivo nei ricordi e nelle tradizioni.

La firma

La lanterna

Se la lanterna è spesso nascosta tra gli altri particolari, è invece evidente il cuore della firma, formato dalle iniziali. Un cuore che simbolicamente afferma sia l’emotività, l’amore dell’autore verso le proprie opere, sia la visione romantica del mondo che esse rappresentano. L'unica vera sorgente dell'arte è il nostro cuore, il linguaggio di un animo infallibilmente puro.

I particolari

ParticolariLa cura dei piccoli particolari è la caratteristica dell’autore: tra gli angoli dei trulli, sotto un muretto a secco, tra i fiori del campo, in una bottega tra le viuzze del centro storico, si possono osservare decine di piccoli oggetti, animaletti del bosco, attrezzi ormai dimenticati. Ogni opera nasconde una piccola, divertente caccia al tesoro.