Chi è Vincenzo

Vincenzo MilazzoVincenzo Milazzo è nato a Taranto il 5 aprile del 1956. È un pittore naïf, che ha iniziato a dipingere fin da bambino, seguendo il suo istinto, e ricorda ancora il suo primo quadro venduto a tredici anni. Nei quadri di Vincenzo Milazzo ci si immerge in una visione del tutto personale della realtà, nella rappresentazione quasi fiabesca di una vita agreste della Puglia di cinquant’anni fa, simboleggiata da una lanterna a petrolio, sempre presente in ogni suo quadro.

Vincenzo Milazzo ha partecipato a una lunga serie di mostre, personali e collettive, riportando spesso primi premi e menzioni speciali. Ha iniziato ad esporre già dai primi anni ’70 nella sua terra, a Taranto, e nei paesi vicini, come alla mostra nazionale di pittura di Mottola, all’ExpoArte di Bari, alla galleria la pietra di Martina Franca. Ha inoltre collaborato a numerose iniziative e associazioni, dal gruppo Umanesimo della Pietra all’Unicef, per la riscoperta e la valorizzazione del suo territorio, in difesa del mondo di tradizioni e storie contadine della Puglia dei trulli.

Le sue opere sono poi state apprezzate al centro letterario del Lazio, e hanno lasciato una viva impressione nella terra del naïf italiano, l’Emilia, dove ha esposto all’Antoniano di Bologna, al Santissima Annunziata di Parma, alla rassegna italiana dei pittori naïf di Carpi e al museo nazionale Cesare Zavattini di arte naïf a Luzzara.

Il nuovo millennio lo vede all’estero, prima negli Stati Uniti, protagonista di una mostra al prestigioso Algonquin Club di Boston, inaugurata dal premio Nobel italiano Franco Modigliani, e poi in Giappone, a Tokyo e a Kurashiki, con la fondazione Italia in Giappone.

Da anni espone permanentemente alla sua galleria, la lanterna, a Martina Franca, dove vive.